LA FILIERA DEL CASHMERE

La capra cashmere è un animale che vanta origini molto antiche e proviene dalla regione montuosa del Kashmir (India). Il suo manto è chiamato “vello d’oro”, per il prestigio e le rinomate proprietà curative che possiede.

Le nostre capre, che vivono e si alimentano al pascolo, trasformano la bellezza del paesaggio in fiocchi di morbido e caldo cashmere. La loro fibra viene raccolta in primavera mediante pettinatura.

La filiera della fibra cashmere inizia con la pettinatura a mano della capra, mediante un particolare pettine con denti arrotondati e corti per tutelare il benessere dell’animale. 

Mediante questa tecnica viene separata la fibra sottile e soffice del cashmere dalla giarra, più ispida e lunga.

La fibra grezza raccolta viene lavata in acqua fredda con detergenti naturali e asciugata. 


Il passaggio successivo consiste nella degiarratura, ovvero la separazione della giarra rimasta dal resto del cashmere.

Una volta eseguita questa operazione più volte, si prosegue con il processo della cardatura, necessario per allineare la fibra ed eliminare tutte le eventuali impurità ancora presenti.

La fase finale, detta “filatura”, consiste nel ritorcere la fibra, mantenendo il più possibile la sottigliezza del filato, al fine di rendere il futuro manufatto leggero e soffice ed esaltarne le qualità e il pregio.

 Le caratteristiche del cashmere sono la brillantezza, la lucidità, la morbidezza, l’isotermia.

 

Una volta che il filato è pronto, lo consegniamo alle mani esperte degli stilisti con cui collaboriamo.

Grazie alla loro visione creativa, i capi di abbigliamento e accessori della nostra linea sono in grado di trasferire la bellezza e il benessere della natura a chi li indossa.

come filare lana cashmere